Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini
Ultimi articoli pubblicati
Circolare del MEF n. 4 del 18 gennaio 2022

Le modalità, le condizioni ed i criteri in base ai quali le amministrazioni titolari dei singoli interventi possono imputare nel relativo quadro economico i costi per il personale da rendicontare a carico del PNRR.

Corte d’Appello di Milano, 2 dicembre 2021

[A] Sulla rilevabilità d’ufficio delle questioni attinenti le franchigie e gli scoperti di polizza in materia di contratto di assicurazione. [B] Sulla necessaria approvazione per iscritto delle clausole contenenti franchigie in materia di contratto di assicurazione. [C] Sulla validità della clausola che preveda una franchigia contenuta nell’assicurazione che il costruttore è tenuto a fornire all’acquirente, ai sensi dell’art. 4 del dlgs. 122/2005, e che impedisca all’acquirente di poter escutere dal garante una parte dei danni subiti.

Corte d’Appello di Palermo, 30 novembre 2021

[A] Sui criteri di comparazione a cui deve riferirsi il giudice nella pronuncia di risoluzione per inadempimento di contratto d’Appalto in caso di inadempienze reciproche. [B] Sull’idoneità, in caso di inadempimento di contratto d’Appalto, della stipulazione tra le parti di un nuovo contratto aggiuntivo al precedente a costituire rinuncia tacita all’esercizio del diritto di domandare la risoluzione. [C] Sulla rilevanza dei ritardi dell’Appaltatore ai fini della risoluzione del contratto d’Appalto pubblico. [D] Sulle conseguenze della rescissione del contratto d’Appalto di opere pubbliche per inadempimento dell’Appaltatore e sul danno risarcibile a favore della P.A.. [E] Sulla distinzione tra l’istanza di cui all’art. 210 c.p.c. e la richiesta di cui all’art. 213 c.p.c. sul rapporto dei due istituti con le preclusioni processuali e gli oneri probatori posti a carico delle parti. [F] Sulla distinzione tra la garanzia fideiussoria ed il contratto autonomo di garanzia in tema di Appalto pubblico. [G] Sugli elementi idonei a fondare l’exceptio doli in materia di contratto autonomo di garanzia.

Tribunale di Bergamo, 1 dicembre 2021

[A] Sugli elementi necessari ai fini della configurabilità di un collegamento negoziale tra distinti contratti. [B] Sugli elementi rilevanti ai fini della valutazione comparativa da svolgere nel caso in cui venga sollevata eccezione di inadempimento ai sensi dell’art. 1460 c.c..

Corte d’Appello di Roma, 10 novembre 2021

[A] Sulla valenza probatoria, all’interno del giudizio civile, delle prove raccolte nel processo penale. [B] Sulle pretese dell’appaltatore soggette all’obbligo di iscrizione di tempestiva riserva. [C] Sulle modalità di esplicazione delle riserve da parte dell’appaltatore e sulle conseguenze della materiale indisponibilità del registro di contabilità in tempo utile.

Corte d’Appello di Palermo, 1° dicembre 2021

[A] Sui limiti del divieto, di cui all’art. 21 della l. 646/1982, di concedere in subappalto opere facenti parte dell’appalto pubblico, senza l’espressa autorizzazione della Stazione Appaltante. [B] Sul risarcimento del danno reputazionale subito da persona giuridica o ente collettivo derivante da inadempimenti connessi all’esecuzione di un appalto pubblico ed il relativo onere probatorio.

Corte d’Appello di Milano, 24 novembre 2021

[A] Sull’idoneità dell’eccezione di compensazione a costituire riconoscimento del credito. [B] Sulle conseguenze della mancata reiterazione delle richieste istruttorie in sede di precisazione delle conclusioni.

Corte d’Appello di L’Aquila, 4 novembre 2021

 

[A] Sulle conseguenze, in tema di notificazioni, dell’indicazione compiuta da una parte di un indirizzo di posta elettronica certificata che non ne circoscriva la portata alle sole comunicazioni. [B] Sulla corretta interpretazione degli artt. 342 e 434 c.p.c. in tema di inammissibilità dell’appello. [C] Sull’onere probatorio nel giudizio di opposizione a d.i. nell’ipotesi in cui venga sollevata dal debitore eccezione di inadempimento.

Tribunale di Bergamo, 1 dicembre 2021

Sull’impugnabilità delle clausole di gara che rendano la partecipazione degli interessati antieconomica in quanto eccessivamente onerose e sulla preclusione data dalla sottoscrizione del contratto.

Tribunale di Torino, 26 ottobre 2021

[A] Sulla competenza giurisdizionale in materia di rapporto di concessione e compenso del concessionario. [B] Sulle differenze tra la questione concernente la legitimatio ad causam e quella riguardante l’effettiva titolarità del rapporto sostanziale controverso. [C] Sui presupposti dell’indennizzo da subentro del nuovo concessionario nella gestione di una concessione. [D] Sul principio di non contestazione in materia di quantificazione del credito oggetto della domanda giudiziale. [E] Sulla risarcibilità dei danni subiti per la mancata approvazione di un nuovo Piano Economico Finanziario Quinquennale da parte del MIT in un rapporto di concessione. [F] Sulla legittimità del rifiuto del MIT di prorogare una concessione autostradale in casi diversi da quelli espressamente individuati dalla direttiva n. 2004/18. [G] Sulla legittimità delle richieste risarcitorie per mancato adeguamento delle tariffe autostradali del 2009 e sull’adeguamento tariffario in caso di scadenza della concessione. [H] Sulla valutazione del giudice in materia di spese di lite. [I] Sulla debenza del compenso del CTU.

Corte d’Appello di Catanzaro, 29 novembre 2021

[A] Sulle conseguenze della risoluzione del contratto d’appalto sulle pretese oggetto di riserva da parte dell’Appaltatore. [B] Sulla configurabilità del danno emergente, rilevante ai fini della risoluzione di contratto d’Appalto per fatto imputabile alla P.A. committente, per aggravamento delle spese generali sotto il profilo dell’art. 20, co. 3 del D.M. 257/1895, come modificato dal DLPCPS 763/1947 e dalla circolare M.LL.PP. 741/1981.

Corte d’Appello di Lecce, 15 novembre 2021

Sull’applicabilità del D.P.R. 207/2010, che ha abrogato il termine decadenziale previsto dall’art. 33 del D.M. 145/2000, alle riserve regolarmente iscritte successivamente all’entrata in vigore dello stesso ma ricollegabili ad un contratto d’Appalto di opere pubbliche stipulato anteriormente

Corte d’Appello di Cagliari, 14 dicembre 2021

[A] Sui limiti alla possibilità del creditore del fallito di eccepire un controcredito in compensazione e sulla qualificazione di tale domanda come eccezione riconvenzionale (ammissibile) o domanda riconvenzionale (inammissibile). [B] Sulla distinzione tra l’istituto della compensazione, che richiede apposita eccezione di parte o domanda riconvenzionale, ed un mero rapporto di dare ed avere, nel quale vi è automatica elisione dei rispettivi crediti.

Corte d’Appello di Palermo, 8 ottobre 2021

[A] Sull’onere della prova posto a carico dell’Appaltatore in merito alle domande di pagamento oggetto di riserve regolarmente iscritte. [B] Sulla tempestività dell’eccezione di tardività della riserva. [C] Sul’applicabilità delle disposizioni di cui agli artt. 35 e 36 del Capitolato Generale per le opere pubbliche, approvato con D.P.R. 1063/1962, relativi agli interessi di mora per ritardato pagamento, alla ritardata erogazione dell’anticipazione di cui art. 3 della l. 741/1981. [D] Sul termine rilevante ai fini della concessione del beneficio del premio di incentivazione per anticipata conclusione dei lavori ai sensi dell’art. 35 della l.r. Sicilia 21/1985. [E] Sugli effetti del riconoscimento, da parte della Stazione Appaltante, della revisione del prezzo in materia di appalti pubblici, anche in tema di giurisdizione. [F] Sull’applicabilità o meno dell’art. 1283 c.c. (anatocismo) ai debiti di valore. [G] Sulla riscossione dei crediti maturati dalle imprese mandanti in caso di fallimento della capogruppo del RTI. [H] Sui diritti della società consortile, costituitasi tra imprese riunite in A.T.I., nei confronti della Committente in materia di Appalti Pubblici.

Tribunale di Chieti, 16 settembre 2021

[A] Sul potere/dovere di allegazione dei fatti costitutivi di eccezioni rilevabili d’ufficio da parte della Stazione Appaltante a fronte delle domande formulate dall’appaltatore. [B] Sui limiti alla facoltà di mutare azione in corso di giudizio passando dall’azione surrogatoria a quella diretta e viceversa nei confronti del medesimo soggetto

Tribunale di Torino, 20 ottobre 2021

[A] Sulle conseguenze del fallimento della capogruppo di A.T.I. circa la legittimazione delle mandanti a far valere i propri diritti nei confronti della Stazione Appaltante. [B] Sugli effetti della dichiarazione di fallimento in relazione allo scioglimento di contratto d’Appalto pubblico. [C] Sulle eccezioni al divieto di utilizzo, da parte del CTU, dei documenti non ritualmente prodotti dalle parti. [D] Sui limiti del valore di pubblica fede dello stato di consistenza in materia di contratto d’Appalto pubblico. [E] Sull’obbligo motivazionale del Giudice in relazione alle osservazioni dei CTP. [F] Sull’applicabilità della sospensione dei pagamenti da parte della Stazione Appaltante, ex art. 118, comma 3, del d.lgs. 163/2006, nel caso di fallimento dell’Appaltatore. [G] Sul principio di buona fede oggettiva nel caso di inadempimento di scarsa rilevanza in materia di contratto d’Appalto pubblico. [H] Sui presupposti necessari ai fini del risarcimento del danno d’immagine ed alla reputazione. [I] Sui limiti entro i quali la Committenza può soddisfare un proprio credito nei confronti dell’Appaltatore attraverso la cauzione versata da quest’ultimo in numerario o in titoli di stato o attraverso la garanzia fidejussoria che può sostituire le suddette forme di cauzione. [J] Sulla cristallizzazione del thema decidendum. [K] Sulle conseguenze della proposizione di una domanda di risarcimento del danno generica e priva di specifiche allegazioni. [L] Sulla condanna alle spese per l’attività dei CTP.

Tribunale di Reggio Calabria, 10 agosto 2021

Sulla posizione sostanziale delle parti in caso di opposizione a d.i. in materia di appalti pubblici: la disciplina applicabile alla chiamata in causa del terzo da parte dell’opposto.

Tribunale di Latina, 2 agosto 2021

Sulle finalità della CTU ed il divieto di aggirare le preclusioni maturate in tema di prove.