Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini
D.LGS 163.2006. Art. 117 (Cessione dei crediti derivanti dal contratto)
Tribunale di Chieti, 3 maggio 2021

Sul riconoscimento tacito del debito: l’accettazione della cessione del credito ed il pagamento della sorte capitale.

Tribunale di Pavia, 12 aprile 2021

[A] Sull’azione diretta del Subappaltatore nei confronti del Committente pubblico nel caso in cui sia previsto il pagamento diretto nella vigenza del D.lgs. 163/2006; [B] Sulla Cessione di Credito operata ai sensi dell’art. 117 del D.lgs. 163/2006

Tribunale di Velletri, 1 dicembre 2020
[A] Sulla normativa applicabile alla cessione dei crediti derivanti da contratto d’Appalto pubblico, ai sensi dell’art. 117 del d.lgs. n. 163/2006. [B] Sui termini ed i tassi d’interesse moratori applicabili sulle somme dovute all’Appaltatore dalla Stazione Appaltante
Tribunale di Trento, 17 settembre 2020
[A] Sulla necessità o meno della forma dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata 117 co. 2 D.lgs. 163 / 2006 nel caso in cui la stazione appaltante sia una società partecipata. [B] Sulla applicabilità o meno del meccanismo della sospensione dei pagamenti all’appaltatore in caso di mancato pagamento dei subappaltatori nel caso di ammissione dell’appaltatore al concordato preventivo
Corte d’Appello di L’Aquila, 29 luglio 2020
[A] Sulla configurabilità negli appalti pubblici e sul funzionamento della cessione del credito a titolo di garanzia. [B] Sulla applicabilità degli interessi moratori ex d.lgs. n. 231/2002 agli appalti di lavori pubblici
Corte d’Appello di Milano, 14 gennaio 2020
[A] Sugli effetti prodotti dal contratto di cessione di credito vantato dal subappaltatore nei confronti dell’appaltatore. [B] Sulle modalità di notifica della cessione del credito. [C] Sulla esistenza o meno di un termine affinché cedente o cessionario possano notificare al debitore ceduto la comunicazione di avvenuta cessione del credito. [D] Sulla opponibilità o meno della cessione di tutti i crediti futuri derivanti da un contratto di subappalto al fallimento del subappaltatore cedente
Tribunale di Roma, 14 ottobre 2019
[A] Sugli effetti prodotti dal fallimento dell’appaltatore sul contratto con cui l’impresa in bonis ha ceduto “pro soluto” alle banche tutti i crediti presenti e futuri, maturati e maturandi alla data dalla stipula con la stazione appaltante. [B] Sull’onere di notifica alla stazione appaltante della cessione del credito da parte dell’appaltatore alle banche e sugli effetti della omessa notifica della stessa
Tribunale di Torino, 22 maggio 2017
[A] Sulla decorrenza del termine di cui all’art. 305 c.p.c. per la curatela del fallimento dell’appaltatrice per riassumere il giudizio pendente con la Stazione Appaltante a seguito dell’interruzione dovuta all’intervenuto fallimento. [B] Sui limiti e sulla disciplina della cessione del contratto e della cessione del credito derivante dall’appalto pubblico, secondo quanto previsto dagli artt. 116,117 e 118 del d.lgs. n. 163/2006. [C] Sulla procedibilità o meno delle domande riconvenzionali avanzate dalla Stazione Appaltante nei confronti del fallimento dell’impresa appaltatrice e sulla procedibilità o meno di eventuali eccezioni riconvenzionali. [D] Sulla procedibilità o meno dell’azione di risoluzione del contratto promossa prima del fallimento nei confronti dell’appaltatore inadempiente.
Corte d’Appello di Milano, 10 marzo 2017
[A] Sulla sussistenza o meno della legittimazione attiva dell’Appaltatore a far valere pretese inerenti i crediti dell’appalto in caso di intervenuta cessione di credito nell’ambito di un rapporto di factoring. [B] Sugli effetti prodotti ai sensi dell’art. 1458 cod. civ. dalla risoluzione del contratto sulla misura del corrispettivo dovuto all’appaltatore per le opere realizzate. [C] Sui limiti al risarcimento del danno dovuto all’appaltatore ex art. 139 del d.lgs. 163/2006 nel caso di risoluzione dovuta a grave ritardo dell’appaltatore stesso
Tribunale di Milano, 13 gennaio 2017
[A] Sulla carenza di legittimazione attiva dell’appaltatore per la riscossione dei corrispettivi dell’appalto nel caso di intervenuta cessione del credito regolarmente comunicata alla Stazione Appaltante. [B] Sulla possibilità del Giudice di imporre una fideiussione bancaria nel caso di condanna al pagamento a favore del cessionario del credito, laddove residui un DURC irregolare per l’appaltatore
Tribunale di Firenze, 4 marzo 2016
[A] Sulla nullità del contratto d'appalto in caso di abusività dei lavori realizzati dall'appaltatore e sugli effetti prodotti da tale nullità sul diritto al corrispettivo dell'appaltatore. [B] Sugli effetti prodotti dalla nullità del contratto d'appalto sul credito ceduto (vantato per lavori interenti a detto appalto) dall'appaltatore ad una banca
Tribunale di Pistoia, 16 febbraio 2012
Sulla responsabilità della cessionaria dell'Azienda per i debiti della cedente relativi a contratti in corso, sulla normativa applicabile e sull'ipotesi in cui tali debiti non siano iscritti in contabilità
Lodo Arbitrale, 10 maggio 2012
[A] Sui requisiti formali per la piena opponibilità alla Stazione Appaltante della cessione di crediti vantati nei confronti della pubblica amministrazione: evoluzione normativa. [B] Sulla necessità o meno dell'assenso della Stazione Appaltante per la cessione del credito da parte dell'Appaltatore e sulle conseguenze (sia interne al rapporto tra cedente e cessionario, sia nei rapporti con il creditore ceduto) della violazione degli obblighi formali previsti dalla legge
Lodo Arbitrale, 9 luglio 2009
[A] Sulla necessità o meno dell’accettazione della cessione del credito da parte dell'ente pubblico allorché il contratto di appalto all'origine del credito ceduto, alla data della comunicazione della cessione, risulti completamente esaurito. [B] Sulla sopravvenienza del fallimento del cedente, dopo detta notificazione della cessione del credito, e sulla possibilità o meno da parte del curatore di riscuotere il credito
Lodo Arbitrale, 17 febbraio 2009
Sull'istituto della cessione del credito e sulle sue peculiarità quando il debitore ceduto è la P.A. e si tratti di crediti derivanti da contratti di appalto pubblico
Lodo Arbitrale, 11 giugno 2008
[A] Sulla differenza tra la cessione del contratto, vietata dall’art. 118 del D.lgs 163 del 2006 e la fusione per incorporazione disciplinata dall’art. 2504 c.c. e dall’art. 116 del D.lgs 163 del 2006. [B] Sui limiti all’operatività del divieto di cessione dei crediti previsto dall’art. 117 del codice. [C] Sul termine di prescrizione degli interessi che conseguono al ritardo nel pagamento degli acconti o del saldo dei lavori di un appalto di opere pubbliche