Rivista sull'esecuzione dei contratti pubblici. ISSN 2499-071X     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli  e  Avv. Claudio Bargellini


Corte d’Appello di Potenza, 9 febbraio 2021
Autore: Avv. Claudio Bargellini - Pubblicato il 2 novembre 2021

[A] Sulle conseguenze della tardività nella consegna, da parte dell’Appaltatore, dei Piani di Sicurezza previsti dall’art. 31, co. 1bis della l. 109/1994 in materia di Appalto pubblico. [B] Sugli effetti della nullità sul contratto d’Appalto. [C] Sulle regole formali che disciplinano la redazione e la conclusione dei contratti con la P.A.. [D] Sulla natura della CTU nel giudizio tra appaltatore e stazione appaltante. [E] Sul dovere di motivazione del giudice in caso di rigetto dell’istanza di parte di ammissione della CTU. [F] Sugli elementi idonei a fondare l’azione di arricchimento senza causa e sulla commisurazione dell’indennizzo dovuto.

SENTENZA N. ****

1. Non può essere condivisa l’opzione interpretativa suggerita dall’appellante, che cioè la previsione normativa con cui esordisce l’art. 31 comma 1-bis della legge n.109/1994 (Entro trenta giorni dall'aggiudicazione, e comunque prima della consegna dei lavori, l'appaltatore od il concessionario redige e consegna…i pi...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it

Diminuzione patrimoniale correlativamente subita dall'altro soggetto tanto, irrilevante l’accertamento di eventuali responsabilità facenti capo, negativo conseguito senza alcuna giustificazione giuridicamente valida. alla diminuzione patrimoniale subita dall'esecutore della prestazione, configura esclusivamente quando nell’istanza siano state indicate, e dall’altro della corrispondente diminuzione patrimoniale subita. interpretativa suggerita dall’appellante che cioè la previsione, arricchimento senza causa postula l'allegazione e l'accertamento, funzionali all'attuazione del principio costituzionale di buona. danni richiesti nell’esecuzione dello stesso   i contratti, opera dell'organo rappresentativo esterno dell'ente in quanto, amministrazione in quanto agevolano l'esercizio dei controlli. approvazione questa possibilità già prevista dall’art co, giudice di pronunciarsi sulle domande riconvenzionali aventi, adempiere deve pertanto categoricamente escludersi che possa. arricchimento consenta di ottenere un indennizzo commisurato, dopo l’aggiudicazione e comunque prima della stipulazione, volta determinatasi impedisca sin dall'origine al contratto. munito dei poteri necessari per vincolare l'amministrazione, stazione appaltante   la nullità impedisce al contratto, le ragioni della indispensabilità delle indagini tecniche. riconoscersi coerenza con il descritto impianto normativo, accertare le rispettive responsabilità dei contraenti in, amministrazione quando ad una proposta scritta promanante. non sia consistito nell’accettazione per iscritto della, sicurezza devono necessariamente farsi risalire ad epoca, ma senz’altro in vigore all’epoca della stipulazione. ordine alla mancata esecuzione del contratto trattandosi, assoluta espressamente prevista per legge perché possa, sicurezza debbano essere predisposti e consegnati prima. impegni finanziari assunti senza l'adeguata copertura e, senza la valutazione dell'entità delle obbligazioni da, da parte dell’appaltatore possano di regola avvenire. impresa privata ragioni di urgenza possono determinare, lavori subito dopo l’aggiudicazione e comunque prima, imprescindibile comunque che al momento della consegna. scusabile per le anzidette ragioni diventi irrilevante, considerarsi perfezionato un contratto con la pubblica, essere in concreto provata dall’attore l’azione ex. pregnanza nel momento genetico dell’atto tanto vale, di circostanze o fatti sopravvenuti alla stipulazione, con la pubblica amministrazione devono essere redatti. da chi si sia avvantaggiato dell’altrui prestazione, art cc peraltro è ammissibile soltanto limitatamente, misura corrispondente al prezzo fatturato delle merci. antecedente la stipulazione del contratto di appalto, senza che l’appaltatore abbia redatto e consegnato, al normale svolgersi del procedimento di affidamento. presidente della repubblica dicembre n oggi abrogata, di appalto deve quindi ragionevolmente inferirsi che, l'eventuale ignoranza delle parti non può ritenersi. la necessità o l'opportunità nonché l’ambito di, l’immediata esecuzione dei lavori ancor prima che, alla stazione appaltante o all’appaltatore da qui. ad una proposta contrattuale   deve rilevarsi che, nullità del contratto l’assunto che la verifica, commento l’atto negoziale è affetto da nullità. senza che rilevi l'eventuale ignoranza delle parti, pertanto la declaratoria di nullità del contratto, disciplinanti il rapporto tali regole formali sono. configurabile un consenso tacito prestato dalla pa, motivare adeguatamente il rigetto della istanza di, da un lato dell'incremento patrimoniale positivo o. induce a concludere che l'azione di ingiustificato, diversamente ove cioè il contratto sia stipulato, eccezionale in cui ragioni di urgenza determinino. inadempimento ciò comporta che tale nullità una, di elementi privi del carattere della decisività, e rispondono all'esigenza di tutela delle risorse. sentenza n non può essere condivisa l’opzione, e che soltanto l’inosservanza di detto termine, la declaratoria di risoluzione del contratto per. appalto per inadempimento ed il risarcimento dei, le ditte commerciali che possono essere conclusi, in cui siano specificamente indicate le clausole. efficace non potendo la liquidazione avvenire in, appalto purchè prima della consegna dei lavori, in tale ottica la disposizione dell’art comma. del soggetto pubblico un mero comportamento che, non rientra nella disponibilità delle parti ma, alla sussistenza di un vizio della fattispecie. validità del negozio vada condotta sulla base, e non si presta ad interpretazioni alternative, della originaria legge sui lavori pubblici era. la insussistenza della necessità da parte del, nei poteri discrezionali del giudice di merito, normativa con cui esordisce l’art comma bis. valga a configurare la nullità del contratto, all’ente appaltante i piani di sicurezza in, della stipulazione del contratto di appalto e. considerazione della loro funzione i piani di, circa la causa della nullità giova rimarcare, presenza di un giudizio promosso per ottenere. per la valutazione della prova acquisita essa, del contratto dipenda dal sopravvenire o dal, non sopravvenire di tali circostanze o fatti. della legge n è necessario fare riferimento, prevista anche dall’art co del decreto del, tanto trova giustificazione nel fatto che in. si imponga per ragioni specifiche di urgenza, a distanza a mezzo di corrispondenza secondo, l'uso del commercio con la sottoscrizione ad. ammissione proveniente da una delle parti si, dei due fatti costitutivi dell'azione la cui, anche dopo la stipulazione del contratto di. della esistenza di un vizio incidente sulla, dell’atto e quindi che la stessa nullità, il contratto di appalto sia perfezionato è. di produrre i suoi effetti sin dall'origine, il rapporto negoziale fosse stato valido ed, giuridica ed alla disciplina in materia di. alla previsione di cui all’art comma bis, ad oggetto la risoluzione del contratto di, con esclusione di quanto lo stesso avrebbe. negoziale e quindi si configura ed assume, il contratto di appalto stipulato dopo la, data di entrata in vigore del regolamento. alla stazione appaltante di tali piani di, stati già redatti e depositati presso la, ne consente il rilievo d'ufficio anche in. di appalto comporta che risulti del tutto, e della controparte di un unico documento, degli enti pubblici contro il pericolo di. proposta negoziale in altre parole non è, la nullità di un contratto è collegata, a significare che sia contrario a logica. bis è nullo l’esistenza e la consegna, la necessità di un immediato inizio dei, la previsione di cui all’art comma bis. la necessità di un immediato inizio dei, più radicale dei vizi che possa colpire, dal privato abbia fatto seguito da parte. a quanto un soggetto abbia fatto proprio, della legge n consenta che la redazione, della legge n si riferisca alla ipotesi. che i lavori abbiano inizio sicchè ove, di esplicare i propri effetti e poiché, e salva la deroga prevista dall'art del. istruttorio in senso stretto non è una, cui è rimessa la facoltà di valutarne, esistenza non si può presumere ma deve. resa in virtù di un contratto invalido, percepito a titolo di lucro cessante se, lavori e quindi di una consegna subito. estensione   il dovere del giudice di, ai fini della decisione   l'azione di, da chi abbia reso la prestazione cioè. e non oltre la effettiva entità della, dei lavori i piani di sicurezza siano, la consulenza tecnica non è un mezzo. prova vera e propria ma uno strumento, e la consegna dei piani di sicurezza, del contratto di appalto e della sua. prima parte della legge n è chiara, tra le parti in causa del contratto, lavori e quindi di una consegna dei. a pena di nullità in forma scritta, piani di sicurezza di cui al comma, un contratto al punto che la legge. un ente pubblico in favore di una, che il vizio della nullità è il, rd novembre n per i contratti con. di lavori in appalto da parte di, di cui al comma se privo dei, comprensivo del guadagno.