Embed RSS
Articoli pubblicati

Articoli di Settembre 2014

NumeroArticoloData
1Lodo Arbitrale, luglio 2013
[A] Sulla evoluzione normativa della disciplina in merito alle conseguenze dei ritardati pagamenti da parte della Stazione Appaltante. [B] Sulla responsabilità o meno della Stazione Appaltante per i ritardi nei pagamenti dovuti a responsabilità dell'Ente finanziatore dell'opera pubblica. [C] Sui limiti e sulle condizioni per il riconoscimento all'appaltatore degli interessi anatocistici per il ritardato pagamento dei corrispettivi dovuti dalla Stazione Appaltante

2014-09-27
2Lodo Arbitrale, giugno 2013
[A] Sulla normativa applicabile ai contratti d'appalto stipulati prima dell'entrata in vigore del regolamento (d.P.R. n. 207/2010), per i quali il giudizio sia iniziato successivamente. [B] Sui principi ispiratori della necessità per l'Appaltatore di iscrivere tempestiva riserva. [C] Sui termini e sulle modalità di iscrizione delle riserve da parte dell'Appaltatore. [D] Sugli effetti che la legge riconduce ad un lodo arbitrale non impugnato, in particolare, se ad esso sia o meno riconoscibile la medesima forza di una sentenza passata in giudicato o un'analoga efficacia. [E] Sui limiti al potere del Giudice ordinario (e del Collegio arbitrale che ne faccia le veci) di disapplicare l'atto amministrativo e sulla possibilità di decidere sulla domanda finalizzata all'annullamento, revoca, sospensione o inefficacia di provvedimenti della Pubblica Amministrazione

2014-09-27
3Lodo Arbitrale, giugno 2013
[A] Sulla possibilità o meno che i ritardati pagamenti da parte della Stazione Appaltante dovuti a ritardi dell'Ente finanziatore possano costituire grave inadempimento e giustificare la risoluzione del contratto d'appalto in danno della Stazione Appaltante. [B] Sulla configurabilità o meno di una ipotesi di litispendenza tra i giudizi monitori avviati dall'Impresa per riscuotere i crediti derivanti dall'appalto ed il giudizio arbitrale avviato dall'Impresa per la risoluzione del contratto in danno. [C] Sul calcolo del danno risarcibile all'Impresa per i lavori non eseguiti nel caso di risoluzione del contratto per grave inadempimento della Stazione Appaltante. [D] Sul calcolo di interessi e rivalutazione monetaria sulla somma liquidata all'Impresa a titolo di risarcimento del danno derivante dalla risoluzione del contratto per colpa della Stazione Appaltante. [E] Sul calcolo di interessi e rivalutazione monetaria sulle somme liquidate all'Impresa a titolo di corrispettivi. [F] Sulle modalità di calcolo e sui principi applicabili alla liquidazione di interessi e rivalutazione monetaria sulle somme liquidate all'Impresa a titolo di risarcimento del danno in generale

2014-09-27
4Cassazione Civile, Sez. I, Sent. gennaio 2013
[A]Sulla efficacia della declinatoria arbitrale espressa dalla Stazione Appaltante prima dell'intervento della Corte Costituzionale dichiarativa della illegittimità costituzionale dell'obbligatoria devoluzione al giudizio arbitrale prevista dal menzionato L. n. 741 del 1981, art. 16. [B] Sui limiti al potere discrezionale del Giudice di liquidare il danno richiesto dalle parti in via equitativa

2014-09-27
5Cassazione Civile, Sez. I, Sent. ottobre 2013
Sulla decorrenza degli interessi per ritardato pagamento per gli appalti pubblici finanziati con mutuo della Cassa Depositi e Prestiti

2014-09-27
6Un inadempimento è per sempre!
Roberto Troccoli. Il TAR Toscana fa il punto sulla causa di esclusione per grave inadempimento e sanziona la mendacia delle relative dichiarazioni rese in sede di gara. Come deve comportarsi la stazione appaltante per garantire il rispetto della par condicio tra i concorrenti?

2014-09-24
7Lodo Arbitrale, giugno 2013
[A] Sulla responsabilità in capo alla Stazione Appaltante per i danni provocati all'appaltatore dai ritardi prodotti da fatti imprevedibili o da comportamenti di soggetti terzi. [B] Sui danni risarcibili in caso di anomalo andamento dei lavori e sospensione totale degli stessi: mancato utile. [C] Segue: spese generali. [D] Segue: costo dei mezzi e macchinari presenti in cantiere e personale impiegatizio

2014-09-19
8Lodo Arbitrale, giugno 2013
[A] Sulla possibilità o meno che alla clausola conciliativa contenuta nel contratto d'appalto sia riconosciuta efficacia di improcedibilità sul processo. [B] Sulla opponibilità o meno della cessione delle quote del Consorzio (contraente generale) da parte di un consorziato, senza l'autorizzazione della Stazione Appaltante, al Consorzio stesso e all'Ente committente e sulla possibilità o meno di considerare tale cessione un grave inadempimento contrattuale

2014-09-19
9Lodo Arbitrale, giugno 2013
[A] Sulla sussistenza della legittimazione passiva della Prefettura ovvero del Ministero dell'Interno in persona del Ministro, in materia di appalti pubblici resi presso le stazioni dei Carabinieri. [B] Sulla possibilità o meno di ritenere sanata l'errata notifica dell'atto di accesso in arbitri alla Prefettura anziché al Ministero dell'Interno attraverso la costituzione in giudizio dell'Avvocatura dello Stato

2014-09-19
10Cassazione Civile, Sez. Unite, Ord. maggio 2013
Sulla giurisdizione per la chiamata di terzi in manleva da parte della Stazione Appaltante convenuta in una azione risarcitoria dall'Impresa per inadempimento contrattuale o per violazione dei principi di correttezza e buona fede nell'esecuzione del contratto d'appalto

2014-09-19
11Cassazione Civile, Sez. I, marzo 2013
[A] Sulla validità o meno della clausola compromissoria nel caso di risoluzione o rescissione del contratto d'appalto. [B] Sui limiti alla competenza del Collegio Arbitrale e sulla possibilità per le parti di ampliare le rispettive domande in corso di giudizio. [C] Sulla possibilità o meno che il permanere di un unico soggetto consorziato possa determinare l'estinzione del Consorzio

2014-09-19
12Cassazione Civile, Sez. I, luglio 2012
[A] Sulle ipotesi in cui può ritenersi sussistente un rapporto contrattuale tra Stazione Appaltante e Appaltatore già prima della formale stipula del contratto d'appalto. [B] Sulle ipotesi di nullità del contratto d'appalto stipulato dalla Pubblica Amministrazione. [C] Sul momento genetico a partire dal quale nascono i diritti e le obbligazioni reciproche tra Stazione Appaltante e Appaltatore ai sensi dell'art. 1372 c.c.. [D] Sulle ipotesi di annullabilità del contratto d'appalto e sulle conseguenze prodotte dalla sottoscrizione da parte dell'organo rappresentativo dell'Ente di un contratto in parte diverso dalle previsioni del bando senza averne il potere

2014-09-19
13Lodo Arbitrale, giugno 2013
[A] Sulle ipotesi in cui l'intervento adesivo dipendente di un terzo può essere ritenuta ammissibile nel giudizio arbitrale in materia di appalti pubblici. [B] Sui requisiti necessari affinché si possa configurare una cessione del contratto d'appalto e sulla possibilità o meno che il comportamento delle parti sia idoneo a dimostrare la cessione tacita del contratto. [C] Sui limiti al riconoscimento degli interessi anatocistici sulle somme liquidate dal Collegio

2014-09-10
14Lodo Arbitrale, giugno 2013
Sugli elementi che, ai sensi dell'art. 1362 c.c., devono essere valutati al fine di verificare se il comportamento delle parti tenuto anche successivamente alla stipulazione del contratto possa confermare la volontà delle parti di deferire la controversia al Collegio Arbitrale

2014-09-10
15Lodo Arbitrale, maggio 2013
[A] Sulla sussistenza o meno dell'onere di iscrizione di tempestiva riserva in merito al riconoscimento degli oneri di sicurezza. [B] Sul riconoscimento di interessi e rivalutazione monetaria sulle somme liquidate all'Impresa a titolo risarcitorio o a titolo di mancati corrispettivi

2014-09-10
16Lodo Arbitrale, maggio 2013
[A] Sulla possibilità o meno che il contraddittorio tra appaltante e appaltatore sia idoneo a giustificare il prolungamento delle operazioni di collaudo e ad evitare la responsabilità della Stazione Appaltante per i maggiori oneri per la sicurezza sopportati dall'appaltatore. [B] Sull'onere della prova posto a carico delle parti nel caso l'impresa eccepisca la decadenza in merito alla contestazione dei vizi ai sensi dell'art. 1667 c.c.

2014-09-10
17Cassazione Civile, Sez. I., luglio 2012
[A] Sulle valutazioni che il Collegio deve svolgere al fine di valutare la fondatezza della domanda di risoluzione del contratto per grave inadempimento di una delle parti del contratto d'appalto. [B] Sulla possibilità o meno per l'Impresa di richiedere il risarcimento dei danni per anomalo andamento dei lavori laddove abbia previamente accettato la consegna irregolare e frazionata. [C] Sulla possibilità o meno per l'appaltatore di richiedere il risarcimento del danno laddove di fronte alla inadempienza della controparte, anziché ricorrere alla domanda di risoluzione (o all'eccezione di inadempimento) ovvero iscrivere riserva, preferisca dare comunque esecuzione al contratto

2014-09-10
18Cassazione Civile, Sez. I., luglio 2012
Sui limiti al diritto del pubblico dipendente al compenso aggiuntivo per l'opera prestata quale direttore dei lavori in un appalto pubblico

2014-09-10
19Cassazione Civile, Sez. I., luglio 2012
Sull'onere per la stazione appaltante, qualora intervenga il fallimento di una delle società mandanti, di effettuare i pagamenti per lavori eseguiti in antecedenza nei confronti della curatela fallimentare ovvero nei confronti della mandataria

2014-09-10
20Lodo Arbitrale, maggio 2013
[A] Sulla competenza del Collegio Arbitrale a decidere sulle domande ex art. 2043 e 2041 c.c. e sui criteri interpretativi della clausola compromissoria contenuta nel contratto d'appalto. [B] Sulle pretese dell'appaltatore soggette all'onere di iscrizione di tempestiva riserva. [C] Sulla subordinazione o meno al regime delle riserve della domanda dell'Appaltatore finalizzata ad ottenere la risoluzione del contratto per inadempimento della Stazione Appaltante. [D] Sulle verifiche che il Collegio deve svolgere per valutare la legittimità o meno del provvedimento di risoluzione del contratto per inadempimento disposto dalla Stazione Appaltante. [E] Sulla sorte del contratto nel caso di reciproca domanda di risoluzione per inadempimento proposta da entrambe le parti nell'ipotesi in cui non siano ravvisati gli estremi del grave inadempimento per nessuna delle due

2014-09-03
21Lodo Arbitrale, maggio 2013
[A] Sulla natura pubblicistica o privatistica del provvedimento di risoluzione del contratto emesso dalla Stazione Appaltante e sulla competenza del Collegio arbitrale a pronunciarsi su tale risoluzione. [B] Sulla fondatezza o meno della domanda dell'appaltatore finalizzata ad ottenere l'annullamento del contratto per errore, in ragione della mancanza dell'Elenco Prezzi al momento della formulazione dell'offerta. [C] Sull'onere di iscrizione di tempestiva riserva nel caso di sospensione illegittima dei lavori, ovvero anomalo andamento degli stessi. [D] Sulla giurisdizione del Giudice Ordinario ovvero del Giudice Amministrativo riguardo all'accertamento della legittimità della risoluzione contrattuale per inadempimento disposta dalla Stazione Appaltante ai sensi dell'art. 136 d.lgs. n. 163 del 2006. [E] Sulla possibilità o meno da parte del Collegio di dichiarare la risoluzione del contratto per mutuo dissenso in caso di reciproca domanda di risoluzione per inadempimento, laddove non fossero riscontrabili i gravi motivi di cui all'art. 1453 e ss. c.c.. [F] Sulla efficacia retroattiva o meno della risoluzione per mutuo dissenso

2014-09-03
22Lodo Arbitrale, maggio 2013
[A] Sulla libera devoluzione della controversia al collegio arbitrale e sui criteri elaborati dalla giurisprudenza per l'interpretazione della clausola compromissoria. [B] Sulla ammissibilità o meno dei quesiti posti al Collegio per la prima volta nelle memorie conclusionali. [C] Sulla imputazione alla Stazione Appaltante o all'Appaltatore dei compensi spettanti ai collaudatori

2014-09-03
23Lodo Arbitrale, maggio 2013
[A] Sul tempo di applicazione del divieto di partecipazione dei magistrati ai collegi arbitrali disposto dall'art. 1, comma 18 della Legge 6 novembre 2012, n. 190. [B] Sull'interpretazione della clausola arbitrale inserita nel contratto d'appalto. [C] Sulla disciplina del prezzo chiuso contenuta nell'art. 133 del d.lgs. 163/2006 e sulla legittimità di una clausola che preveda il c.d. metodo a scalare

2014-09-03