Embed RSS
Articoli pubblicati

Articoli di Settembre 2013

NumeroArticoloData
1Lodo Arbitrale, aprile 2012
[A] Sui limiti alla ammissione della prova per testi nel procedimento arbitrale. [B] Sull'ammissibilità della Consulenza Tecnica d'Ufficio. [C] Sulla possibiltà o meno di avviare il procedimento arbitrale prima del collaudo delle opere, per controversie la cui rilevanza economica sia particolarmente elevata. [D] Sulle valutazioni che deve svolgere il Collegio in caso di reciproca domanda di risoluzione per inadempimento laddove sia provata la gravità degli addebiti oggetto di reciproca contestazione. [E] Sul danno da mancato utile per lavori non eseguiti in caso di risoluzione del contratto per grave inadempimento della Stazione Appaltante. [F] Sulla accoglibilità o meno delle riserve che non risultano esplicate sui fogli del Registro di Contabllita, ma su fogli allegati e sulle ipotesi in cui teale forma può ritenersi sufficiente. [G] Sulla giurisdizione in merito alla domanda dell'appaltatore di revisione prezzi o di prezzo chiuso, con particolare riferimento alla domanda attinente al solo quantum

2013-09-28
2Lodo Arbitrale, aprile 2012
[A] Sull'onere di esplicazione della riserva e sulla disciplina normativa applicabile. [B] Sulle modalità di assolvimento dell'onere della prova in relazione alla domanda di compensazione, di cui all'art. 26, comma 4-bis L 109/94, in relazione all'incremento dei costi dei materiali da costruzione

2013-09-28
3Lodo Arbitrale, aprile 2012
[A] Sulla tempestività o meno della riserva iscritta sul conto finale riguardante il danno lamentato dall'appaltatore a causa di una dedotta non remuneratività del corrispettivo complessivo di un appalto a corpo, dato dai prezzi non di mercato indicati dalla Stazione Appaltante. [B] Sulla ammissibilità o meno, nell'ambito di un contratto d'appalto a corpo, della riserva finalizzata ad ottenere il risarcimento del danno derivante dalla non remuneratività dell'appalto per prezzi troppo bassi indicati dalla Stazione Appaltante. [C] Sulla obbligatorietà o meno per le Stazioni appaltanti di porre a base dei computi estimativi per le gare i prezzari, con il conseguente obbligo di aggiornamento, i prezzari di cui all'art. 133, comma 8, del d.lgs. n. 163/2006. [D] Sulla automaticità o meno del diritto dell'appaltatore alla compensazione prezzi in ragione dell'incremento dei prezzi di alcuni materiali quale diretta e immediata conseguenza delle variazioni percentuali in aumento riportate dal decreto ministeriale ai sensi dell'art. 1 del d.l. 23 ottobre 2008, n. 162 conv. in l. 23 dicembre 2008 n. 201 e sulla giurisdizione sul punto. [E] Sulla prova necessaria all'appaltatore per ottenere la compensazione prezzi per variazione del prezzo dei materiali ai sensi dell'art. 1 del .... e differneze rispetto a quanto previsto dall'art. 133, comma 4 e ss. del d.lgs. n. 163 del 2006. [F] Sulla individuzione della data alla quale fare riferimento per determinare la variazione percentuale subita dai prezzi dei materiali individuati dal d.m. per la operare la compensazione prezzi di cui all'art. 1 del d.l. 23 ottobre 2008, n. 162 conv. in l. 23 dicembre 2008 n. 201. [G] Sulla giurisdizione in materia di controversie relative ai provvedimenti di adeguamento dei prezzi assunti dalla Stazione Appaltante, ai sensi dell'articolo 133 commi 3 e 4 d.lgs. 163/2006

2013-09-28
4Lodo Arbitrale, aprile 2012
Sullo scopo delle riserve e sulle modalità di iscrizione e precisazione delle stesse

2013-09-28
5R. Troccoli. Articolo 82, comma bis (Decreto del Fare)
Articolo 82, comma 3 bis: una norma per “NON FARE” nel “DECRETO DEL FARE”

2013-09-23
6Lodo Arbitrale, aprile 2012
[A] Sulla possibilità di ottenere la risoluzione del contratto per grave inadempimento laddove la sospensione dei lavori si prolunghi oltre i termini di cui all'art. 133 d.p.r. 554/1999. [B] Sulla possibilità o meno per l'appaltatore di ottenere la risoluzione di diritto del contratto a mezzo di diffida ad adempiere, laddove la sospensione dei lavori si prolunghi oltre i termini di legge e sulla necessità o meno di iscrivere tempestiva riserva. [C] Sulla misura del risarcimento dovuto all'appaltatore per le opere eseguite in caso di dichiarata risoluzione del contratto per inadempimento della Stazione Appaltante

2013-09-18
7Lodo Arbitrale, aprile 2012
[A] Sulla natura della "presupposizione" (ovvero una condizione estranea alla volontà delle parti ma fondamentale per la formazione del loro consenso) quale causa di risoluzione del contratto. [B] Sulla quantificazione del mancato guadagno dell'Impresa nel caso di revoca della convenzione di costruzione e gestione di un'opera pubblica intervenuta ancora prima dell'inizio dei lavori di costruzione. [C] Sulla misura degli interessi e del maggior danno addebitati alla Stazione Appaltante in caso di debiti di valuta. [D] Sulla misura degli interessi e della rivalutazione monetaria addebitati alla Stazione Appaltante nel caso di debiti di valore

2013-09-18
8Lodo Arbitrale, gennaio 2012
[A] Sulla disciplina legislativa delle riserve dal 1895 ad oggi. [B] Sugli obblighi posti in capo all'appaltatore per la corretta e tempestiva iscrizione delle riserve. [C] Sulla sussistenza o meno di un onere di tempestiva iscrizione della riserva con riferimento al ritardo nel pagamento dei s.a.l. da parte della Stazione Appaltante. [D] Sulla sussistenza o meno di un onere di tempestiva iscrizione della riserva con riferimento all'eventuale revisione dei prezzi. [E] Sulle differenze tra CTU deducente e CTU percipiente delineate dalla recente giurisprudenza e sulle differenze in tema di ammissibilità della consulenza. [F] Sul rapporto tra Consulenza Tecnica d'Ufficio (CTU) e onere della prova posto a carico delle parti. [G] Sul momento da cui decorre il termine per iscrivere riserva nel caso di diniego a legittime richieste di variante progettuale per l'approvvigionamento di inerti di cava da siti più lontani rispetto a quelli previsti in contratto. [H] Sulla tempestività dell'iscrizione della riserva conseguente ai c.d. fatti continuativi, come quelli prodotti da una causa costante quale la sospensione dei lavori. [I] Sui limiti alla responsabilità della stazione appaltante riguardo al mantenimento in cantiere di un'organizzazione produttiva di uomini e mezzi eccedente a quella necessaria. [L] Sulla possibilità o meno che le riserve iscritte da parte dell'appaltatore equivalgano a costituzione in mora secondo il regime civilistico ai fini del decorso degli interessi. [M] Sull'onere della prova e sulla misura del maggior danno richiesto dall'appaltatore ai sensi dell'art. 1224, comma 2, c.c.. [N] Sulla risarcibilità o meno, per quanto attiene i crediti di valore, del nocumento finanziario subito dall'Imprenditore a causa della mancata disponibilità delle somme di denaro dovute a titolo di risarcimento. [O] Sull'onere o meno di avanzare specifica domanda per la liquidazione degli interessi anatocistici

2013-09-18
9Lodo Arbitrale, marzo 2012
Sulla risarcibilità o meno della mancata formazione dell'utile per l'impresa in caso di anomalo andamento dei lavori

2013-09-09
10Lodo Arbitrale, marzo 2012
[A] Sugli obblighi tipici di committente e appaltatore e sulle verifiche che il Collegio deve svolgere nel caso di reciproca domanda di risoluzione del contratto per grave inadempimento. [B] Sulle caratteristiche del progetto esecutivo e sulla gravità o meno dell'inadempimento della Stazione Appaltante laddove non consegni un progetto rispondente ai criteri di legge, nonché sulla possibilità o meno che il progetto esecutivo sia affidato all'appaltatore. [C] Sul dovere di cooperazione posto a carico della Stazione Appaltante e sulla incidenza di tale obbligo sulla necessità di predisporre varianti in corso d'opera. [D] Sulla possibilità o meno che la dichiarazione di presa visione del progetto da parte dell'Appaltatore possa costituire accettazione del progetto e sulla conseguente ripartizione delle responsabilità in caso di lacune progettuali. [E] Sulle valutazioni che il Collegio deve svolgere in caso di pluralità di inadempimenti per verificare la sussistenza del requisito della "gravità" necessario per pronunciare la risoluzione del contratto ai sensi dell'art. 1455 c.c.. [F] Sulla risarcibilità del c.d. danno curriculare richiesto dall'appaltatore in caso di dichiarata risoluzione del contratto per inadempimento della Stazione Appaltante e sulla quantificazione dello stesso. [G] Sui casi in cui è necessaria la sottoscrizione con riserva del verbale di consegna lavori. [H] Sulla ammissibilità o meno della riserva esplicata nei quindici giorni a mezzo lettera raccomandata laddove la Stazione Appaltante non abbia costituito il registro di contabilità e sull'eventuale onere di ripetizione della riserva sul registro di contabilità

2013-09-09
11Lodo Arbitrale, marzo 2012
[A] Sulla obbligatorietà o meno della revisione prezzi nei contratti ad esecuzione periodica o continuativa di servizi o forniture e sulle conseguenze del mancato inserimento nel contratto della clausola revisionale ovvero sull'inserimento di una clausola che preveda un alea per l'appaltatore. [B] Sulla sussistenza o meno del diritto della concessionaria del servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani ad ottenere i maggiori oneri di smaltimento in discarica e sulla titolarità del Comune o della Concessionaria dell'obbligo di pagare quanto richiesto dalla società che gestisce la discarica. [C] Sulla sussistenza o meno del diritto della concessionaria del servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani ad ottenere il riconoscimento dei mancati ricavi dalla vendita dei rifiuti riciclabili provenienti dal servizio di raccolta differenziata

2013-09-02
12Lodo Arbitrale, marzo 2012
Sulla natura degli interessi previsti a titolo di penale in caso di ritardo nell'esecuzione delle obbligazioni oggetto della concessione e sulla possibilità o meno che il tasso concordato dalle parti possa essere ritenuto usurario

2013-09-02
13Lodo Arbitrale, marzo 2012
[A] Sui canoni interpretativi da utilizzare per delineare il contenuto della clausola arbitrale. [B] Sulla competenza o meno del Collegio Arbitrale a decidere sulle controversie nascenti dalla esecuzione inter partes dell'accordo bonario precedentemente stipulato, [C] Sui limiti alla ammissibilità dell'intervento del terzo nel giudizio arbitrale. [D] Sulla natura e sulle caratteristiche del contratto di factoring. [E] Sulla possibilità o meno che la società di factoring che ha acquistato il credito dell'appaltatore possa ritenersi successore nel contratto anche per quanto attiene la clausola compromissoria. [F] Sul regime delle preclusioni vigente nel procedimento di arbitrato rituale. [G] Sulla spettanza o meno degli interessi anatocistici sugli interessi spettanti all'appaltatore ai sensi degli artt. 35 e 36 del Capitolato generale d'appalto per le opere pubbliche (approvato con il D.P.R. 16 luglio 1962, n. 1063)

2013-09-02