Embed RSS

ARGOMENTO: D.P.R. 207.2010. Art. 8 (Casellario informatico). Art. 27 34.00

T.A.R. Lazio - Roma, sez. III, settembre 2016

Sui presupposti per l'iscrizione nel casellario informatico dell'ANAC dell'Appaltatore nell'ipotesi di risoluzione del contratto per inadempimento di quest'ultimo

T.A.R. Lazio Roma, Sezione III, febbraio 2011

[A] Sulla necessità o meno della comunicazione di avvio del procedimento per procedere alla annotazione nel Casellario informatico dei provvedimenti di esclusione dalle gare per violazioni contributive. [B] Sulla natura meramente consequenziale o meno del provvedimento dell'AVCP di annotazione nel Casellario informatico dei provvedimenti di esclusione dalle gare per violazioni contributive, rispetto al presupposto provvedimento di esclusione reso dalla stazione appaltante

T.R.G.A. Trento, febbraio 2011

[A] Sugli effetti di fusione e incorporazione di società partecipante alla gara e sull'interesse della stessa ad agire in caso di esclusione. [B] Sulla valenza dichiarativa o costitutiva delle iscrizioni delle violazioni registrate nel casellario informatico delle imprese qualificate ai fini dell'ammissione alle gare. [C] Effetti della fusione e della cessione d'azienda sul rilascio dell'attestazione di qualificazione SOA. [D] Sulla legittimità o meno dell'inflizione della segnalazione all’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici nel caso di errore in buona fede da parte della concorrente

Consiglio di Stato, Sezione V, gennaio 2011

Sulla valenza costitutiva all’iscrizione nel casellario informatico e sulla decorrenza degli effetti interdittivi

T.A.R. Lazio Roma, Sezione III, maggio 2010

Sulla determinazione dell’Autorità di Vigilanza n. 8/2004, nella parte in cui ha correlato l’utilità dell’annotazione di comportamenti di grave negligenza o malafede, alla possibile valorizzazione, da parte di stazioni appaltanti anche diverse da quelle che abbiano avuto precedenti rapporti contrattuali con il soggetto responsabile di tali comportamenti, in sede di bando di gara, al fine di evitare di intrattenere rapporti contrattuali con soggetti reiteratamente inadempienti e quindi inaffidabili

T.R.G.A. Trento, maggio 2010

Sulla decorrenza dell’anno di interdizione dalle pubbliche gare, antecedente la data di pubblicazione del bando di gara, conseguente alle false dichiarazioni rese in sede di gara

T.A.R. Lazio Roma, Sezione III, marzo 2010

Le stazioni appaltanti sono obbligate ad inviare all'Osservatorio, per l'annotazione nel casellario informatico, le segnalazioni riguardanti infrazioni in materia di sicurezza adottate dal Coordinatore per l'esecuzione dei lavori, che siano seguite dall'adozione di un ordine di sospensione delle lavorazioni per pericolo grave ed imminente

Consiglio di Stato, Sezione VI, dicembre 2009

[A] Sui consorzi di cooperative di produzione e lavoro costituiti al fine specifico di partecipare a pubblici appalti, ai sensi della l. n. 422/1909, sull’indicazione della consorziata esecutrice, sul soggetto che deve essere in possesso dei requisiti e sulla particolare disciplina dei contratti di subappalto. [B] Sull’iscrizione da parte dell’Autorità di Vigilanza del provvedimento di esclusione dalla gara, con omissione delle verifiche del caso e delle garanzie di partecipazione

T.A.R. Piemonte, Sezione I, dicembre 2009

L'attività posta in essere dall'Autorità in sede di inserimento dei dati nel casellario informatico sulla base delle segnalazioni pervenute è da considerarsi meramente esecutiva, con la conseguenza che non compete all'Autorità alcuna verifica preliminare circa i contenuti sostanziali delle segnalazioni

T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione III, novembre 2009

Qualora l’impresa partecipante ad una gara per l’aggiudicazione di lavori sia stata destinataria di un’annotazione nel Casellario informatico dell’Osservatorio ai sensi dell’art. 27, comma 2 lett. t) del D.P.R. n. 34 del 2000, essa non è tenuta a rendere, di tale annotazione, specifica dichiarazione


Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@appaltieriserve.it - PEC: presslex@pec.it